F.A.Q

Le risposte che non ti aspettavi...

Home FAQ

Risposte alle domande che non vorresti fare...

Succede spesso che molti di noi non pongano domande perché pensano che le stesse possano apparire banali o molto futili oppure imbarazzanti. Ma in questo caso nessuna domanda è tale:  questa è la Vostra piattaforma e dovrete sapere tutto ciò che desiderate… chiedete pure e saremo lieti di rispondere!

Il marketplace Made in Trentino è stato realizzato per svariati motivi che elenchiamo senza nessun problema. Il primo perché pensiamo che molti nostri colleghi imprenditori non trovano sbocco sul web in quanto vengono loro  proposti servizi a prezzi troppo esosi. Il secondo perché non esisteva in Trentino una piattaforma condivisa tra i vari imprenditori. Il terzo perché lo sappiamo fare visto che è il nostro lavoro.

Le offerte le abbiamo studiate confrontandole con quelle di altri marketplace molto più prestigiosi del nostro e quindi pensiamo di essere in linea con gli altri anche perché desideriamo diventare grandi e famosi come loro. Se facciamo un esempio Amazon fa pagare 39€ mese ad ogni Vendors (a prescindere dalle mille spese accessorie parliamo solo del canone mensile) e quindi abbiamo pensato perché noi no? Inoltre siccome il marketplace è stato realizzato da noi i costi sostenuti non sono cosi enormi da farci proporre prezzi di adesione più alti.

Purtroppo nessuno. Ci sarebbe piaciuto lavorare con i soldi di altri senza investire nulla, ma essendo degli imprenditori abbiamo pensato fosse giusto e corretto verso i nostri colleghi investire del nostro e poi condividere la piattaforma con tutti i nostri colleghi attraverso un prezzo di adesione minimo.

Speriamo in tante adesioni! Soprattutto poiché stiamo condividendo qualcosa che tornerà utile a tutti nel tempo e soprattutto perché ogni Vendors che aderisce può anche diventarne in parte proprietario.

La commissione viene applicata da tutti i marketplace. Noi siamo riusciti ad applicarne una bassa, molto bassa. La commissione serve a coprire i costi dei sistemi di pagamento e le spese delle varie transazioni. 

Beh ci sembra normale, non abbiamo nulla da nascondere non abbiamo vincoli con nessuno e se sbagliamo qualcosa ci prendiamo le nostre responsabilità. Quindi ogni domanda avrà una sua risposta.

Le nostre aziende sviluppano software da sempre, questo è il nostro lavoro, lo facciamo per i nostri Clienti e quindi abbiamo pensato di creare uno strumento utile da condividere con altri imprenditori. Molte parti del marketplace sono state scritte da un Team di sviluppatori che lavorano su progetti open source e abbiamo utilizzato vari frammenti di codice da inserire nella piattaforma Made in Trentino.

Quale nome migliore di questo per un marketplace che propone solo prodotti del Trentino? Sicuramente non saremo anonimi sul web e non serviranno ricerche approfondite su Google o altri motori di ricerca e directory per trovarci… In realtà a prescindere dall’iniziale risposta, Made in Trentino nasce perché vuol proporre a tutto il Mondo i prodotti del Trentino! Sappiamo fare cose belle e buone e sappiamo anche che molti turisti si portano sempre un pezzo del nostro territorio acquistando un prodotto fatto qui da noi, perché non dare loro l’opportunità di acquistarli anche da casa?

L’argomento è un po’ complesso, ma cerchiamo di spiegarlo in maniera semplice riportando un concetto di una delle più grandi aziende di comunicazione e marketing specializzata nel settore del commercio elettronico:

“Uno dei rischi della diffusione dei servizi di quick commerce è quello di mettere in competizione negozi che vendono prodotti simili e magari avevano clientele diverse, oppure quello di ridurre progressivamente la frequentazione dei negozi fisici, che hanno ingenti costi di manutenzione. O ancora, che all’interno dello stesso contesto, cioè l’app di queste piattaforme, i clienti scelgano più spesso di acquistare i prodotti della grande distribuzione organizzata, che costano tendenzialmente meno rispetto a quelli dei piccoli e medi negozi.”

Chiunque di noi ha acquistato in Internet, la prima cosa che si cerca è il prezzo più basso dello stesso articolo, oppure l’esclusività…noi vogliamo offrire proprio l’esclusiva di prodotti veramente “realizzati” nel nostro territorio, non ci interessa mettere in competizione i negozi di vicinato, sarebbe un flop pazzesco! e soprattutto non siamo alla ricerca di chiunque tanto per aumentare le adesioni, siamo alla ricerca di qualcosa che rappresenti noi stessi ed il nostro territorio.

Non abbiamo che l’imbarazzo della scelta! In Trentino ci sono svariati produttori dalle aziende vinicole ai birrifici artigianali, cosmesi naturale, salumi, grappe, miele e piccoli artigiani che creano prodotti fantastici e che probabilmente non hanno né tempo né struttura per proporli al Mondo intero. A cosa servirebbe mettere in competizione i negozi del vicinato? 

Pensiamo che ogni Vendors disponga del proprio magazzino e sappia curare meglio di altri la propria produzione e il suo stoccaggio. Andare a caricare di costi la piattaforma per disporre di un magazzino centralizzato pensiamo sia davvero una follia. Tutti i Vendors dispongono di un Corriere di fiducia con il quale inviare i loro prodotti al Cliente finale, una cosa semplice e poco dispendiosa.

Si certamente, ma i costi pagati dai vari Vendors per stoccare i loro prodotti nei magazzini Amazon lasciano davvero poco margine al diretto interessato. Se pensate che sia conveniente date una piccola occhiata a questo forum 

Ad una domanda del genere rispondiamo volentieri, ma rispondiamo dicendo che allora non avete per nulla compreso il senso di questa iniziativa. Vogliamo condividere un progetto fatto da imprenditori con altri imprenditori del nostro territorio, questa è e sarà la nostra filosofia dall’inizio alla fine!

Mai detta una cosa del genere! Ritorniamo a ripetere che il marketplace è stato sviluppato da noi, poiché facciamo questo di lavoro, quindi abbiamo quasi azzerato i costi iniziali. Abbiamo investito una piccola somma di denaro destinata a rientrare con i proventi delle adesioni dei vari Vendors, ma abbiamo lavorato e creato il tutto con i nostri soldi senza ricevere finanziamenti o contributi da nessuno.

Il funzionamento è molto semplice, lo spieghiamo volentieri.

Per il primo anno il Vendor paga un canone mensile più una percentuale sulle vendite, come descritto nei vari piani di adesione, dal secondo anno in poi il Vendor ha la possibilità di acquistare il suo work space (spazio di lavoro) ad un prezzo molto irrisorio e pagare solo la percentuale sulle vendite. A tutti gli effetti diventerà proprietario del suo spazio di lavoro!

Ci sono contratti per i Vendors che aderiscono all’iniziativa ed un codice di comportamento da rispettare. I contratti vengono inviati alla pre-registrazione in modo tale che il Vendor possa leggerli e se d’accordo aderire al progetto. La pre-registrazione non comporta nessun vincolo.

Il canone di adesione può essere pagato mensilmente, semestralmente, annualmente a ricevimento fattura a mezzo bonifico bancario o carta di credito, come meglio preferisce il Vendor.

Le percentuali vengono scorporate in automatico dalla piattaforma. Per fare un esempio se vendete un prodotto a 10 € ed avete una commissione del 10% riceverete sul Vostro conto 9€ . Inoltre la piattaforma ha un sistema che ogni qualvolta viene inserito un prodotto dal Vendor fa un calcolo dell’importo che spetta alla vendita. 

Come potete osservare nell’immagine sotto, considerando una commissione del 10%

 

Bella domanda…possiamo dire che in una scala da 1 a 10 la difficoltà che incontrerete nell’inserimento del prodotto sarà pari a 1 . Consideriamo 1 poichè l’unico onere del Vendor sarà quello di inserire una o più foto del prodotto, la relativa descrizione ed il prezzo…avete finito!

Il marketplace ha una funzione di inserimento prodotti senza prezzo, proprio per far in modo che il Cliente interessato al prodotto possa chiedere un preventivo dello stesso. Nel caso delle composizioni il Cliente richiederà un preventivo sui pezzi che compongono la composizione direttamente al Vendor.

Sicuramente! Avete a disposizione nell’area riservata una chat Vostra indipendente ed un sistema di messaggistica ad uso esclusivo. I Clienti che acquistano i Vostri prodotti potranno conversare e/o chiedere informazioni direttamente a Voi.

Si, basterà inserire al posto della spedizione il ritiro in sede.

Se lo desideri possiamo darti una mano, possiamo inviare presso la tua sede un nostro tecnico che si occuperà di foto ed inserimento prodotti, ma giustamente devi capire che questo per noi ha un costo aggiuntivo che dovrai riconoscerci. Per informazioni contattaci senza nessun problema.

Qualsiasi articolo prodotto nel nostro territorio può essere messo in vendita sul marketplace. Ricordiamo che i prodotti dovranno essere idonei alla spedizione oppure in caso contrario al ritiro presso la Vostra sede.

Qualsiasi marketplace ha un sistema unico di pagamento, il Cliente finale paga al marketplace che riconosce al Vendor la somma relativa all’articolo venduto al netto della commissione. Il Vendor potrà ritirare la somma dopo che il prodotto è stato inviato e ricevuto dal Cliente finale. 

Certamente e non solo, potrete pubblicizzare anche il Vostro negozio personale inserendo l’URL (l’indirizzo) relativo alla Vostra vetrina personale sul marketplace.

Cerchiamo di non farlo, ma pensiamo che ogni singolo produttore abbia qualche cosa di diverso da un altro, non crediamo di creare nessuna concorrenza sul marketplace. Questo è uno dei motivi dell’esclusione dei negozi di vicinato.

Ci dispiace ma non è possibile, almeno su questa piattaforma. I motivi sono vari, primo di tutti quello accennato sopra per i negozi di vicinato, poi per la concorrenza agguerrita su altri marketplace ed infine perché non vogliamo illudere nessuno. Non è che chiunque inserisca dei prodotti da vendere sul web riesca a farlo! Vi facciamo un esempio, mettiamo in vendita due prodotti sul marketplace, un paio di scarpe della Adidas ed un barattolo di miele prodotto in Trentino. Il Cliente che visita il marketplace andrà a fare una ricerca su Internet per vedere chi offre a costo più basso il paio di scarpe dell’Adidas e lo troverà sicuramente poiché è un articolo che non ha esclusività e quindi lo acquisterà al miglior prezzo, ma non troverà mai un miele prodotto in Trentino con le stesse caratteristiche quindi anche ad un prezzo più elevato di un miele prodotto in un altra provincia lo acquisterà per la sua esclusività. Questo è il concetto di base.

Hai una domanda?

Compila il form sotto la inseriremo tra le FAQ pubbliche